f

BVONO
fb/One

MATERA

Progetto: Arch. Giampiero Latorre

Un minuscolo “propileo” a pianta quadrata come diaframma iniziale. Un momento intermedio. Poi uno spazio allungato. A prima vista un rettangolo regolare. Scuro nella sua interezza. Ma morbido come la gomma. Ovattato.

Il legno è l’unico elemento naturale, snodato in elementi espositivi differenti, illuminati, trasparenti. Una grande spina dorsale in legno di okumé, noncurante del dislivello che sembra interrompere la regolarità, corre lungo l’asse principale e ci accompagna verso la piega della pianta: una dilatazione spaziale inaspettata. Ed è qui che idealmente lo spazio prosegue trasformandosi da orizzontale in verticale. Intima la zona di prova. Defilata dietro una lastra di cristallo nero che concede un ambito più privato, fuori dalla continua introspezione permessa dalle grandi vetrate che caratterizzano tutto lo spazio.

A filo con queste, l’illuminazione interna spinge chi guarda da fuori ad allontanarsi quel tanto da poter osservare l’insieme, eludendo la visione parziale. Un grande acquario, dotato di una calda luce puntiforme, dentro e fuori, e tratteggiato da essenziali telai metallici lungo il perimetro, per non invadere il vuoto. Un piccolo momento di interno contemporaneo.

 

fb4 fb3fb1fb2