f

NOX
lounge cafè

CONVERSANO

Progetto: M2O project & consulting
Interior Design: Marco A. Mutinati

Una dimora di campagna di fine ‘800, ai limiti della ferrovia. Peppe e Silvia, musicista lui, appassionata di cucina lei.
Un sogno nel cassetto: coniugare musica e cultura del cibo in un luogo dalla forte personalità, materico e sensoriale insieme, destinato all’ascolto live, al gusto, all’intrattenimento notturno.

Elementi chiari, certi sui quali abbiamo esercitato la nostra creatività.
Vincolati dallo spazio, non modificabile, abbiamo lavorato sui singoli elementi, ciascuno caratterizzato in sé ma insieme ispirati ad un unico principio: l’esaltazione della materia nella sua autenticità, plasmata su disegno e lavorata con perizia artigiana.

Al banco bar, realizzato da lastre di acciaio naturale tagliate a laser e imbullonate, con frontale retroilluminato in rete di ottone e verghe in lamina di bronzo naturale, fanno eco le sospensioni ad altezza variabile, con corpo in ottone e bronzo, cavo in corda di juta e contrappeso in pietra. Sempre in acciaio naturale la scala pressopiegata che porta al soppalco dedicato al privè e la relativa ringhiera protettiva ispirata a sottili fili d’erba.

I tavoli, anch’essi su disegno, hanno piani poligonali in essenza di wengè e, accostabili tra loro come tessere di un puzzle,  non limitano la funzionalità dello spazio ma, anzi, ne esaltano la poliedricità. Tutt’intorno sedute basse, piccole poltroncine imbottite con schienale in wengè che invitano al relax, al piacere di una tavola insolita, vagamente ispirata alle culture del maghreb.Le aree lounge ospitano icone del design contemporaneo: il divano  Victoria and Albert di Ron Arad,  la poltrona Fjord e le sedute Higlands di Patricia Urquiola, tutto di produzione Moroso. Su tutto, il potere avvolgente del chiaroscuro.

 

 

Nox2Nox3Nox5Nox4Nox6